Prodotti agricoli vietnamiti si dirigono al mercato dell'Unione Europea

Le riduzioni tariffarie previste dall'accordo di libero scambio UE-Vietnam (EVFTA) recentemente implementato stanno aprendo le porte a molti prodotti agricoli vietnamiti per entrare nel mercato dell'Unione Europea.

Prodotti agricoli vietnamiti destinati al mercato europeo
Prodotti agricoli vietnamiti destinati al mercato europeo

Fare un buon uso dell’accordo EVFTA

Tra le esportazioni che hanno già iniziato a beneficiare dei termini dell'accordo commerciale ci sono caffè, frutto della passione, pompelmo, cocco e frutto del drago. Secondo il Ministero dell'agricoltura e dello sviluppo rurale (MARD), Dong Giao Alimento Export S.p.A e Vinh Hiep Company hanno in programma di esportare frutto della passione e caffè nell'UE in questo mese.


La produzione agricola è un'importante esportazione vietnamita che si è registrata ai 41,3 miliardi di dollari nel 2019. Con una popolazione di 508 milioni di abitanti e un prodotto interno lordo (PIL) di circa 18 trilioni di dollari, l'UE è un importante mercato potenziale per i prodotti vietnamiti in generale e per prodotti dell’agricoltura in particolare.

I prodotti agricoli vietnamiti, inclusi frutti di mare, frutta, verdura e riso, presentano già alcuni vantaggi nell'UE nonostante siano soggetti a tasse di importazione elevate. Con gli elevati impegni di riduzione delle tasse, si prevede che l'EVFTA aumenterà ulteriormente le esportazioni del Vietnam verso quel mercato.


Nel 2019 la UE è stata la principale importatrice di caffè vietnamita, rappresentando il 37,9% del valore totale delle esportazioni di caffè dal Vietnam. Si prevede che il caffè vietnamita godrà di un valore migliore nell'UE nel prossimo futuro a causa dell'eliminazione delle tariffe da parte dell'UE su tutti i prodotti non torrefatti o tostati prodotti di caffè. Infatti, i dazi dell'importazione scenderanno dai 7 - 11 per cento allo zero, mentre il caffè trasformato godrà di una tariffa preferenziale dello zero percento rispetto a un'aliquota precedente tra 9 e 12 per cento.

Inoltre, le 39 indicazioni geografiche della nazione, compreso il caffè Buon Ma Thuot, saranno protette dall'UE, offrendo un vantaggio all'industria del caffè vietnamita quando compete con i concorrenti all'interno del mercato dell'UE.

Requisiti rigorosi

Con l'EVFTA che ha apportato una serie di cambiamenti, il vice ministro MARD Le Quoc Doanh ha esortato l'industria del caffè locale a soddisfare i severi requisiti stabiliti dal mercato dell'UE, in particolare in merito alla qualità del prodotto e allo sviluppo sostenibile.

La frutta e la verdura vietnamite possono godere di una vasta gamma di opportunità per entrare nell'UE dal 1° agosto sulla base dei tagli previsti del 94% delle 547 linee fiscali totali imposte su questi prodotti. Insieme agli incentivi fiscali inclusi nell'EVFTA, i frutti vietnamiti saranno in grado di mantenere un vantaggio competitivo nei mercati dell'UE rispetto a forti concorrenti che non hanno firmato un accordo di libero scambio con l'UE, come Tailandia, Cina, Malesia e Indonesia.

In effetti, le esportazioni di frutta e verdura del Vietnam verso l'UE ad agosto sono aumentate del 25,2% a 14,7 milioni di dollari rispetto al mese precedente, segnando un aumento annuale del 6%. In linea con queste cifre, il Vietnam è emerso come uno dei principali esportatori di frutto della passione nella EU, penetrando in mercati esigenti come la Francia, la Germania e i Paesi Bassi, insieme a mercati al di fuori dell'UE come la Repubblica di Corea e la Svizzera.

Gli economisti avvertono che gli impegni di riduzione delle tasse dell'UE potrebbero anche tradursi in una serie di nuove barriere tecniche più severe.

Nguyen Thi Mai Linh, Capo del Dipartimento dei prodotti agricoli, forestali e ittici di importazione e di esportazione dell’Agenzia del Commercio estero, sotto il Ministero dell’Industria e del Commercio ha affermato che l'UE è uno dei mercati più esigenti al mondo in termini di qualità del prodotto e monitora rigorosamente lo sfruttamento illegale delle risorse naturali e la tracciabilità dell'origine delle merci.

È necessaria una produzione professionale

Si consiglia agli agricoltori di collaborare con le aziende per costruire le aree centrali di coltivazione e agricoltura in conformità con le Buone Pratiche Agricole Vietnamite (VietGAP) e le Buone Pratiche Agricole Globali (GlobalGAP) al fine di soddisfare gli standard di qualità dell'UE.

Si consiglia inoltre di prestare la dovuta attenzione alla conservazione dopo la raccolta, alla lavorazione intensiva, alla responsabilità sociale, al lavoro, all'ambiente e alle ricerche di mercato.


L’esperienza della Società Vietnam National Seed Group (Vinaseed) illustra il motivo per cui le aziende devono cambiare e investire se vogliono godere dei termini dell’Accordo. Il Direttore generale di Vinaseed, Nguyen Quang Truong, ha affermato che sebbene l'UE offra una quota significativa fino a 80.000 tonnellate di riso per gli esportatori vietnamiti, le aziende locali devono prepararsi con cura per soddisfare i severi requisiti dell'UE come uno dei mercati più esigenti del mondo.

Vinaseed ha costruito aree di coltivazione sostenibili conformemente agli standard di VietGAP e un grande e moderno mulino per la raffinazione del riso quando l’EVFTA era ancora in fase di negoziazione. Ciò ha consentito all'azienda di esportare riso VJ Pearl e RVT Fragant nei Paesi Bassi e nella Repubblica Ceca per un prezzo inaspettato fino ad allora di 1.040 dollari per tonnellata nel mese di luglio 2020.

Nel 2019 Vinaseed ha esportato nell'UE circa 2.000 tonnellate di riso per un valore di 2 milioni di dollari. L'importo dovrebbe più che raddoppiare per raggiungere le 5.000 tonnellate nel 2020 a causa dei prezzi molto più competitivi derivanti dall'aliquota fiscale zero.


Fonte: Vietnam Economic News

#Vietnam #news #notizie #Asia #Europa #UnioneEuropea #EVFTA #dazi #riduzioni #prodotti #import #export