Il Vietnam riapre al turismo internazionale



Il Ministero della Salute nella serata del 15 Marzo ha rilasciato un Mandato Ufficiale N.1265/BYT-DP sulle procedure di entrata in Vietnam dall’estero. Secondo il documento, i viaggiatori in entrata stranieri devono:


1. Effettuare un tampone molecolare per Covid-19 72 con esito negativo ore prima l’entrata in Vietnam O un test antigenico (non auto-sottoposto) 24 ore prima l’entrata in Vietnam. Questa procedure non è valida per bambini al di sotto dei 2 anni di età. Il test va eseguito da un’autorità medica competente.

  1. Fare una dichiarazione di salute prima di entrare e scaricare l’app PC-COVID.

  2. Nel caso in cui il test Covid-19 non venga fatto prima della partenza, un test verrà effettuato entro le 24 ore d’arrivo in Vietnam. Se negativo, i viaggiatori potranno spostarsi a piacimento sul territorio vietnamita senza necessità di quarantena.

  3. Anche se la quarantena non è effettuata, i viaggiatori dovranno sottoporsi a auto-sorveglianza del proprio stato di salute per 10 giorni e informare le autorità locali in caso di sintomi pandemici.

I turisti che arrivano in Vietnam dovrebbero anche avere assicurazione medica o di viaggio che copre trattamento sanitario da Covid-19 con un limite minimo di 10.000 USD.


Si richiede, inoltre, ai viaggiatori di seguire i protocolli anti pandemici come indossare le mascherine e disinfettare le mani.


L’allentamento delle procedure di entrata rappresenta uno sviluppo significativo rispetto a paesi nel Sud-Est Asia come Tailandia, la quale mantiene ancora strette restrizioni e quarantene per i turisti stranieri.


Il Primo ministro Pham Binh Minh ha anche chiesto a importanti agenzie governative di far tornare le procedure di visto e immigrazione come prima della pandemia. Questo significa anche che cittadini da 80 paesi possono ora richiedere un visto online per soggiorni lunghi fino a 30 giorni. Il sito del visto online del governo è aperto per richiederne il rilascio. Il governo ha anche ripreso la sua presa di posizione sul trattamento egualitario verso turisti interni e stranieri.


Inoltre, visti imprenditoriali per viaggiatori d’affari sono stati ripresi senza bisogno di una prima approvazione dalla commissione degli abitanti locali.

Ancor prima, il governo ha rilasciato l’esenzione dal visto per cittadini provenienti da 13 Paesi, come Germania, Francia, Italia, Spagna, Regno Unito, Danimarca, Russia, Giappone, Corea del sud, Norvegia, Finlandia, Bielorussia e Svezia.


Il Vietnam ha anche riaperto i voli diretti verso numerose destinazioni come gli USA, Singapore, Tailandia, Regno Unito e Australia, fatto che aiuterà la ripresa dell’economia e dei rapporti sociali. L’allentamento delle procedure d’entrata e dei visti permetterà alle aziende e alle compagnie di viaggio di organizzare viaggi e di contribuire maggiormente alla crescita dell’economia vietnamita.


Fonte: vietnam-briefing.com