Bollettino economico – Novembre 2020 in collaborazione con l'Ufficio Commerciale dell'Ambasciata della R.S. del Vietnam in Italia
Novembre 2020
L’Accordo EVFTA riguardante il settore della pesca
Principali zone industriali e zone economiche in Vietnam
Webinar per la cooperazione economica tra il Vietnam e l'Italia.
 
 

Webinar Emilia-Romagna incontra Binh Duong

10 Dicembre 2020

Il 10 di Dicembre dalle ore 9.00 alle ore 11.00 si svolgerà un incontro on-line dedicato al Vietnam "Emilia-Romagna meets Binh Duong".

Il tema è divenuto oggi ancor più di attualità a seguito dell’entrata in vigore, dal 1 agosto 2020, dell’Accordo di libero scambio tra Europa e Vietnam.

L’intesa, che prevede la quasi totale eliminazione dei dazi doganali tra l’UE e il Vietnam, da attuarsi nel lasso temporale di 7 anni, si pone nell’ottica di favorire gli scambi dell’Unione Europea con il Vietnam, un Paese in forte espansione, dove la crescita annua è da tempo attestata sul 6-7% annuo, e gli imprenditori europei hanno grandi possibilità di sviluppo.

Grazie all’accordo il 65% dei dazi sulle esportazioni UE verso il Vietnam sarà eliminato da subito, mentre il restante 35% verrà gradualmente tolto entro 10 anni. Allo stesso modo, circa il 70% dei dazi sull’export vietnamita verso la UE decade all’entrata in vigore dell’accordo, mentre la percentuale rimanente si azzererà entro 7 anni. Va evidenziato come questo sia il secondo accordo dell’Unione Europea con un Paese membro dell’Associazione delle Nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN) dopo Singapore, e uno dei pochi con un Paese in via di sviluppo.

Da oltre 5 anni Unioncamere Emilia-Romagna, in partnership con la Regione, ha dedicato grande attenzione al Vietnam e al relativo mercato. Sono quasi 800 le imprese dell’Emilia-Romagna che nel 2019 hanno esportato in Vietnam, dove operano anche direttamente alcune aziende del territorio regionale come ad esempio Bonfiglioli, Datalogic, System, Cuore Italia, Technogym, B&V, Zanetti, Embassy Freight, GT Line, Marposs, Oltremare, etc.

Il Vietnam rappresenta una piattaforma ideale per investimenti di sviluppo e l’espansione commerciale delle imprese italiane non solo in Vietnam, ma in tutto il mercato dell’ASEAN (organizzazione di 10 Paesi), l'area geografica ed economica che continua ad avere i più alti tassi di crescita del PIL, divenendo così non solo destinazione finale, ma anche punto di partenza.

Il Vietnam rappresenta la Golden Gate di accesso per l'area dell'Asia Pacifico a seguito del recente accordo RCEP che vede la nascita dell'area di libero scambio più grande al mondo e che pesa il 30% del PIL mondiale.

Per consultare il programma in forma completa, si prega gentilmente di cliccare qui.

Per iscrizione al webinar si prega gentilmente di contattare alla Segreteria della Camera di Commercio Italia Vietnam: segreteria@camcom-italiavietnam.it

Mostra internazionale sull’Industria alimentare del Vietnam (Vietnam Foodexpo 2020)

9-12 dicembre 2020

La mostra internazionale sull'Industria alimentare del Vietnam (Vietnam Foodexpo) è un importante evento di promozione commerciale ospitato dal Ministro dell’Industria e del Commercio, la cui organizzazione è affidata all’Agenzia di Promozione Commerciale, con l'obiettivo di sviluppare il mercato interno e promuovere le esportazione in loco dei prodotti agricoli e dell’industria alimentare del Vietnam.

Nel 2019, con 600 stand di 400 imprese nazionali e straniere, Vietnam Foodexpo 2019 ha accolto 15.000 visite commerciali provenienti da quasi 50 paesi/territori diversi e oltre 9.000 visitatori vietnamiti. La mostra ha attirato l'attenzione di numerose aziende nazionali ed estere. Secondo le statistiche preliminari dai rapporti delle imprese partecipanti, si sono registrati oltre 3.000 contratti, accordi di cooperazione commerciale e di investimento negoziati in fiera.

Secondo i piani, Vietnam Foodexpo 2020 si sarebbe svolta dal 18 al 21 novembre 2020 presso il Saigon Exhibition and Convention Center (SECC), Ho Chi Minh City. Tuttavia, a seguito di un'indagine del Comitato Organizzatore della mostra, sotto il complicato sviluppo della pandemia di COVID-19 nel mondo e in Vietnam, le imprese nazionali e internazionali, in particolare gli acquirenti nazionali sono piuttosto preoccupati per la possibilità di partecipare alla mostra poiché restrizioni legate al viaggio sono ancora applicate nei paesi e in Vietnam.

Pertanto, al fine di portare la massima efficienza e ridurre al minimo i costi per aziende partecipanti, il Comitato Organizzatore dell’evento ha deciso di sostituire il format diretto di Vietnam Foodexpo 2020 in una forma di mostra virtuale dal 9 al 12 dicembre 2020, nell'ambito del Programma nazionale della Promozione commerciale nel 2020.

La mostra prevede un forum virtuale più grande, raccoglierà un numero illimitato di aziende dell'industria alimentare in Vietnam, consentendo alle aziende di accedere e connettersi con un gran numero di aziende acquirenti nazionali e internazionali; allo stesso tempo, sarà una soluzione efficace per superare le difficoltà nella promozione commerciale a causa della pandemia COVID-19 ancora in crescita nel mondo.

 

Si prega di registrarsi per la partecipazione alla Mostra Online qui

 

Fonte: foodexpo.vn

Bollettino economico – Ottobre 2020 in collaborazione con l'Ufficio Commerciale dell'Ambasciata della R.S. del Vietnam in Italia

Ottobre 2020

Notizia economica sulle spese notarili quando si avvia l’apertura di un’attività imprenditoriale in Italia.

Notizia economica riguarda all’esportazione di gamberi vietnamiti verso l’EU e il mercato di anacardi del Vietnam nei primi mesi del 2020.

Notizia del seminario di formazione sugli impegni nell'accordo commerciale, il CPTPP (Comprehensive and Progressive Trans-Pacific Partnership) e nell'accordo di libero scambio tra il Vietnam e l'Unione europea (EVFTA)

Notizia sulla mostra internazionale sull'industria alimentare del Vietnam (Vietnam Foodexpo)

 

Per consultare il bollettino economico in forma completa, si prega gentilmente di cliccare qui.

 

Il Vietnam è al secondo posto nella lista dei potenziali M&A

29 ottobre 2020

Quest’anno Hanoi - Il Vietnam si è classificato al secondo posto dopo gli Stati Uniti nella lista dei mercati più attivi, dinamici e potenziali del mondo per le operazioni di Merger and Acquisition (M&A).

 

Secondo l'ultimo M&A Investment Index gestito dalla società di ricerca Euromonitor, la posizione del Vietnam è aumentata rispetto allo scorso anno. Il Vietnam è stato inserito in un gruppo di paesi con prospettive positive di M&A insieme a Cina, Filippine, Taiwan e Arabia Saudita. Euromonitor prevede che il Vietnam manterrà la sua posizione nei primi 20 paesi con il più alto indice di M&A per investimenti nel 2021, superando Cina e Indonesia. Secondo il rapporto, il Vietnam è stato anche nei primi cinque mercati con la performance di crescita di M&A più rapida al mondo, dopo Singapore, Irlanda, Filippine e Qatar.

 

La forza motrice dietro gli accordi di M&A in Vietnam e in altri paesi del sud-est asiatico è stata il risultato dello spostamento degli investimenti esteri dalla Cina per evitare i rischi probabili dalla guerra commerciale tra l’Americana e la Cina. Allo stesso tempo, a causa della pandemia COVID-19, molti governi occidentali hanno abbassato tassi di interesse per ridurre gli oneri finanziari. I bassi onori finanziari regionali e i bassi valori delle attività rappresenterebbero le opportunità di acquisizione per le imprese degli Stati Uniti e dell'Europa occidentale, ha affermato la società di ricerca.

 

Joao Luiz Paschoal, Responsabile delle pratiche di consulenze per i servizi di investimento presso Euromonitor International, ha dichiarato: "Si prevede che i paesi come India, Filippine e Vietnam cresceranno rapidamente, raggiungendo un totale del 26% in settori quali servizi multimediali interattivi, reti di distribuzione e alternative sostenibili in alimenti confezionati." Euromonitor riteneva che i campi più attraenti per le operazioni di M&A includevano la costruzione, le reti di distribuzione, la produzione e le infrastrutture pubbliche. L'azienda ha affermato che dal 2015 al 2019 la Cina e gli Stati Uniti sono stati i due mercati di M&A più dinamici al mondo. Tuttavia, il rapporto ha dimostrato che il quadro economico globale stava cambiando a causa delle loro controversie commerciali e le riforme apportate alle economie e alle politiche locali nel sud-est asiatico avrebbero consentito la crescita degli investimenti regionali, rendendola una destinazione attraente per le attività di M&A.

 

L'ambiente M&A dell'ASEAN è cambiato negli ultimi cinque anni, di conseguenza, gli accordi hanno visto un cambiamento nella struttura e nell’industria, mentre il numero di accordi M&A globali è diminuito di oltre il 20% rispetto allo stesso periodo. Secondo Euromonitor, il Nord America è stata la destinazione più vivace per le operazioni di M&A dal 2015 al 2020, seguita dall'Europa occidentale e dall'Asia-Pacifico. L'azienda prevede inoltre che dal 2020-2021 il Sud America guiderà la crescita delle M&A con il 13,7%, seguito dall'Asia Pacifico con l'8,2%.

 

Il Ministero della pianificazione e degli investimenti (MPI), ha riferito che il valore totale delle transazioni di M&A ha raggiunto circa 10 miliardi di dollari nel 2018, in aumento del 60% rispetto all'anno precedente. L'anno scorso, i contratti di M&A hanno raggiunto 15,6 miliardi dollari di valore, con un aumento del 54% rispetto al 2018. I dati dell'MPI hanno mostrato che i due settori con le attività di M&A più forti nel 2018 e nel 2019 erano la produzione di beni di consumo e il settore immobiliare. Altre industrie chiave includevano finanza al consumo, vendita al dettaglio, pesca, logistica e istruzione. Il ministero ha anche affermato che gli investitori dalla Corea, Giappone e Singapore hanno svolto un ruolo molto importante nel mercato M&A del paese nel 2018 e nel 2019 con un volume impressionante di transazioni.

 

L'associazione europea delle aziende in Vietnam ha recentemente previsto che le operazioni di M&A continueranno a crescere fortemente nel 2020 poiché gli investitori stranieri hanno cercato di entrare nel mercato locale, aggiungendo che il Vietnam dovrebbe anche sfruttare appieno i vantaggi dagli accordi di libero scambio tra il Vietnam e l’UE (EVFTA).

 

Nguyen Mai, presidente dell'Associazione delle imprese di investimento estero, ha dichiarato: "Non c'è modo per fermare l'ondata di M&A, anche durante la pandemia COVID-19, perché le imprese stanno affrontando difficoltà e devono richiedere investimenti da fonti esterne per salvarsi ". "Il fenomeno M&A diventerà sempre più forte, soprattutto mentre il Vietnam è ancora in fase di equitizzazione", ha aggiunto Mai.

 

La pratica dei servizi finanziari e di investimento di Euromonitor International ha sviluppato l'Indice di investimento M&A, che riflette il livello previsto di investimento, attività e attrattiva del mercato globale M&A in uno scenario macroeconomico e nello shock finanziario. Il modello copre un totale di 314.002 operazioni di fusione e acquisizione da 50 paesi e oltre 150 industrie in tutto il mondo tra il 2015 e il 2020.

 

Fonte: www.vir.com.vn

 

Webinar: Nuove opportunità e strumenti per l’internazionalizzazione. Opportunità di investimento: Binh Duong (La nuova smart city)

La fase di emergenza sanitaria ed economica che ha caratterizzato l’anno 2020 ha prodotto importanti provvedimenti legislativi (Decreto Liquidità e Decreto Rilancio) che intendono fornire un nuovo e significativo supporto finanziario alle imprese in termini di garanzie pubbliche e di internazionalizzazione.


La Camera di Commercio Italia Vietnam, sotto gli auspici dell’Ambasciata della R.S. del Vietnam in Roma e Consolato in Torino e Genova, in collaborazione con Becamex Binh Duong (Vietnam), Unioncamere Emilia-Romagna e API Torino, ha organizzato un webinar il cui obiettivo è quello di fornire un quadro sugli strumenti e le opportunità di questi provvedimenti per il rilancio e il sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese italiane, con focus sul Vietnam. 


Scarica qui la locandina.

 

1/14

Please reload